I nostri obiettivi

Abbiamo una sola visione: portare aiuto e sostegno al popolo Burkinabé.

Obiettivi missione in corso

L’anno 2020 è stato segnato da questa pandemia mondiale. Ma grazie al Signore, il nostro operato sul posto ha prodotto tanti frutti: la nascita del dodicesimo pozzo d’acqua a febbraio e del tredicesimo a settembre. Inoltre abbiamo distribuito riso alle popolazioni in difficoltà al seguito della chiusura dei mercati durante il lockdown. L’anno non è ancora terminato e tutto il team We Africa sta continuando a lavorare per realizzare i nostri progetti locali.

La nostra Visione

Abbiamo una sola visione: portare aiuto e sostegno al popolo burkinabé attraverso la realizzazione di pozzi d’acqua, la distribuzione di cibo e la formazione scolastica dei bambini. Tutto questo basato su principi cristiani e sulla fede in Dio.

Come nasce We Africa to red earth?

Qualche anno fa, abbiamo avuto l’onore e il privilegio di conoscere un grande uomo di Dio: Umberto Trapi. All’inizio degli anni 70, questo missionario ha raggiunto il Burkina Faso con sua moglie Lisa e la loro meravigliosa e difficile avventura è iniziata. Insieme hanno fatto nascere una scuola per l’infanzia e ancora un altro centro che accoglie i bambini che escono dalla scuola per l’infanzia. Nella scuola per l’infanzia i bambini ricevono istruzione, un pasto, necessario nel loro contesto quotidiano di malnutrizione, e anche un aiuto sanitario e in vestiti.

Purtroppo, il nostro caro Umberto ci ha lasciati il 25 marzo 2015 per raggiungere il nostro Signore. We Africa ha preso a cuore il lavoro iniziato dai missionari Trapi che spinti da una profonda fede in Cristo e da una grande compassione hanno contribuito a migliorare la vita di un gran numero di bambini e adulti nel cuore del Burkina.

Dopo un’esperienza personale sul territorio, il cuore dei nostri missionari è stato toccato a tal punto da prendere la decisione di dedicare la loro vita al Burkina Faso. La nostra visione è molto chiara soprattutto in un momento così terribile per la storia dell’umanità: non chiudiamo gli occhi di fronte ai bisognosi!